Veste Storica

 

 

 

 Storia e delle Tradizioni” delle Misericordie, tra le quali la descrizione della Veste, di questo saio che rende tutti simili, di questo simbolo dell’eguaglianza e della modestia per far capire il perché del celarsi dietro “la Buffa”, questa immagine di anonimato, di rifiuto di qualsiasi riconoscimento terreno, ma anche simbolo di grande fede nel “Dio te ne renda merito”, sicuri di trovare ricompensa più grande presso il Padre.

 

La veste storica dei fratelli della Misericordia, già in uso a Firenze dal 1495, é di colore nero e sostituisce quella rossa in uso dal 1244. Insieme al cambio del colore, proprio nel 1495 fece la comparsa anche la “buffa”, fino ad allora assente.

 

 

La “Veste” è composta da: una “Cappa”, un cappuccio detto “Buffa”, un “Cordiglio” ed un Rosario terminante con una Medaglia. Tutti i componenti la veste sono di colore nero, segno di penitenza.

 

 

 

LA CAPPA

Consiste in una veste di tela nera lunga fino al collo del piede (in modo da nascondere gli abiti indossati, che potevano in qualche modo, far riconoscere la casta di chi compiva l’opera buona)

 

LA BUFFA

Della stessa stoffa della veste e a questa cucita, serviva a coprire la faccia di chi compiva l’opera buona. I “Fratelli” della Misericordia venivano chiamati anche “sfacciati” per questo motivo.

 

IL SARROCCHINO

o sanrocchino (così chiamato in memoria di san Rocco) è un pezzo di pelle nera di forma circolare che serve per proteggersi dalla pioggia e per trasportare meglio i pesi sulle spalle.

 

IL CAPPELLO

(o petaso nel linguaggio dei pellegrini) con larghe tese, legato sotto il mento serviva per ripararsi il capo dalle piogge.

 

IL BORDONE

robusto bastone dalla punta metallica, aveva sulla parte superiore una ripresa che serviva da appoggio per la mano durante il cammino e sulla sommità un gancio cui appendere la zucca con l’acqua per il viaggio o la bisaccia, la punta metallica oltre che avere una presa più solida sul terreno serviva anche come strumento per difendersi dai briganti.

 

IL CORDIGLIO

serve per cingersi i fianchi, (in tutto l’antico testamento si fa cenno alla cintura o cintola) e da questo pende una corona del rosario, è il sistema di dire tutti la stessa cosa, il pregar Maria, camminando insieme.