Veste Operativa

La Veste Operativa

 

.

Nel 1630, durante la peste (la stessa descritta nei Promessi sposi) fu necessario passare ad usare tuniche nere su cui si notassero meno le macchie raccolte soccorrendo i malati con piaghe suppurate; la tunica era munita della cosiddetta buffa cioè un cappuccio con la punta della stessa stoffa, con due fori per gli occhi, che fino al XX secolo i fratelli si tiravano sulla testa per svolgere anonimamente il servizio di carità. Alla vita, come cintura, una fune con agganciato un grosso Rosario nero (corona). Questa veste storica è ancora indossata durante alcune celebrazioni e manifestazioni.

Attualmente la Misericordia ha abbandonato l’uso della veste nera per i servizi di carità, negli anni 60/70 siamo passati al Camice Bianco per pio passare ai giacconi arancioni, ma questo colore era troppo generico e quindi la misericordia mette a disposizione dei volontari una divisa tecnica Giallo/ciano fluo che rispecchia le attuali normative di sicurezza sia a livello di visibilità che di protezione verso sostanze organiche.